https://selll.it/

Having Fun, Seriously

Dati del Brand: funzionalità nella advertising consolle

Nonostante Amazon sia un marketplace dove anche i brand meno conosciuti possono impostare una strategia di vendita efficace, la piattaforma incentiva sempre più il branding e sviluppa strumenti che aiutano i marchi a migliorare il loro posizionamento.

La sezione “Dati del Brand” è una nuova soluzione della consolle pubblicitaria lanciata da Amazon a metà marzo 2022, che permette di misurare le opportunità per i brand in ogni fase del percorso che il cliente effettua nel negozio Amazon.

Svolge principalmente 3 funzioni:

  1. Analizza come il brand coinvolge i clienti nel tempo e compara i risultati con gli altri brand.
  2. Utilizza i dati retail del passato per qualificare il valore del coinvolgimento degli acquirenti sul loro percorso d’acquisto.
  3. Esamina i dati della categoria sui nuovi clienti.

Amazon Dati del Brand: i segmenti dei dati

I dati sono divisi in 3 segmenti, seguendo il funnel di vendita.

  1. Conoscenza: coloro che hanno effettuato ricerche sul brand ma non hanno né visitato una pagina, né aggiunto un prodotto al carrello, né fatto acquisti in un determinato mese.
  2. Considerazione: coloro che hanno visitato la pagina prodotto del brand e/o hanno fatto una ricerca sul brand e/o hanno aggiunto un prodotto al carrello, ma non hanno effettuato un acquisto.
  3. Acquisti: tutti coloro che hanno acquistato un prodotto del brand, inclusi gli iscritti al programma iscriviti e risparmia.

Amazon Dati del Brand: quali informazioni vengono fornite?

  1. Tasso di coinvolgimento degli acquirenti: la percentuale di clienti che nella categoria di riferimento abbia visitato almeno due pagine e abbia cercato il brand oppure abbaia visitato la pagina o aggiunto al carrello o acquistato un prodotto del brand.
  2. Tasso di conversione clienti: la percentuale di clienti che sono passati dalla fase di considerazione alla fase di acquisto.
  3. Percentuale di nuovi clienti: la percentuale di nuovi clienti totali.
  4. Ritorno sul coinvolgimento (ROE): il valore medio ottenuto dal brand nel coinvolgimento di un acquirente nei 12 mesi precedenti. Per calcolarlo, il totale delle vendite generate in 12 mesi verso un segmento di acquirenti nella categoria selezionata, viene diviso per il numero totale di acquirenti entrati in quel segmento. Questi valori vanno intesi come guida per i potenziali ricavi generati dal brand da ogni tipo di interazione degli acquirenti, in seguito alla considerazione.
  5. Mediana della categoria: la performance del 50° percentile dei brand nella categoria selezionata.
  6. Migliori della categoria: la performance media tra il 95° e il 99° percentile dei brand nella categoria selezionata.
  7. Indice di conoscenza: misura i segnali effettivi del pubblico su Amazon che riflettono la conoscenza del brand a breve e lungo termine da parte di tutto il pubblico: viene aggiornato quotidianamente e aggregato settimanalmente. Il percentile mostrato consente di confrontare le attività finalizzate alla conoscenza attuate dal tuo brand con quelle attuate da brand simili.
  8. Solo ricerche relative al brand: gli acquirenti che conoscono il brand, avendolo cercato, ma non hanno interagito ulteriormente con i prodotti della categoria in questione. Questo vuol dire che molto probabilmente la persona era interessata ad altri prodotti del brand.
  9. Indice di considerazione: misura i segnali effettivi del pubblico su Amazon che riflettono la considerazione per il brand a breve e lungo termine da parte di tutto il pubblico: viene aggiornato quotidianamente e aggregato settimanalmente. Il percentile mostrato consente di confrontare le attività finalizzate alla considerazione attuate dal brand con quelle attuate da brand simili.
  10. Visualizzazioni della pagina di dettaglio prodotto: numero di acquirentiche ha visualizzato la pagina prodotto senza compiere altre azioni.
  11. Ricerche relative al brand e visualizzazioni della pagina di dettaglio prodotto: il valore del ritorno sul coinvolgimento degli acquirenti che cercano il brand e poi visitano la pagina di dettaglio prodotto è normalmente superiore a quello dei clienti che visitano la pagina di dettaglio prodotto senza intento di acquisto verso il brand. I brand potrebbero considerare la differenza tra questi due valori del ROE come parte del valore del “branding”. Un brand può aspettarsi tante più vendite a lungo termine quanto più riesce a spostare la composizione del coinvolgimento dalle sole visualizzazioni della pagina di dettaglio prodotto a una combinazione di queste ultime e ricerca relativa al brand.
  12. Aggiunta al carrello: poiché a questo punto gli acquirenti sono molto vicini all’acquisto, questo è il valore di ROE più alto. Il motivo è dato dall’alta possibilità che un’ampia percentuale di questo gruppo di clienti generi vendite nei successivi 12 mesi.
  13. Indice di vendita: è il numero di ordini ottenuti dal brand, rispetto ad un altro della stessa categoria.
  14. Clienti del brand: è il numero di clienti che hanno fatto almeno un acquisto di prodotti del brand negli ultimi 12 mesi e che potrebbero ripetere l’operazione.
  15. Clienti primo 10% e Iscriviti e Risparmia: è il numero dei migliori clienti del brand, quelli maggiormente fidelizzati con un’altissima possibilità di un acquisto periodico dei prodotti del brand.

Conclusione

Questo nuovo strumento mostra appieno la sua utilità se considerato in ottica di funnel marketing, per capire il comportamento del cliente, per comprendere le criticità del brand sulle quali intervenire, e soprattutto quali strategie pubblicitarie utilizzare.

Contattaci per una consulenza su come migliorare posizionamento e branding su Amazon.

ALTRI ARTICOLI

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.